WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Il fare è il miglior modo d'imparare. Giacomo Leopardi

> Home > Eventi a Torino del 10-11-2018 > Bambini > Io ballo con Snoopy-laboratorio di gioco-danza e...

Io ballo con Snoopy-laboratorio di gioco-danza e pet therapy

Io ballo con Snoopy-laboratorio di gioco-danza e pet therapy

 

 

Dettagli Laboratorio esperienziale di Gioco-Danza e Pet Therapy a cura di: Francesca Grogno- Danzaterapeuta, socia ARTE, insegnante Erika Valentini- Danzaterapeuta, Coadiutrice di Pet therapy e Delfinoterapia Termine per le iscrizioni : giovedì 8 novembre Contributo di partecipazione € 15 Per informazioni e prenotazioni: 393 8574319 328 6568875 RAF momenti familiari Coop. Frassati - via Pio VII n.61,TORINO Dall’esperienza decennale dell’istituto Water Planet USA, in Florida, una tecnica basata sulla sinergia tra la Pet Therapy e le arti espressive. Questo progetto nasce dalla collaborazione, iniziata nel 2011, con il centro di delfinoterapia WATER PLANET USA, in Florida, diretto da Denis Richard e specializzato in disturbi dello spettro autistico. A Panama City, città che affaccia sull’Oceano, chi esce per mare ha buone possibilità di fare fortunati incontri: diverse famiglie di delfini, principalmente tursiopi, vivono in quell’area e sono da molto tempo abituati all’interazione con l’uomo. Water Planet è, dunque, uno dei pochissimi luoghi al mondo dove l’incontro con l’animale avviene nel suo habitat, senza alcuna forzatura, in una dimensione di profondo rispetto. Le attività con i delfini occupano buona parte della giornata: si esce in barca al mattino, di buon’ora, alla ricerca di questi giocosi compagni di nuotata. Ciò che rende unica l’esperienza, tuttavia, non è tanto la delfinoterapia in sé, bensì la stretta interazione tra questa e molteplici terapie applicate: pet therapy, danzaterapia, musicoterapia, arteterapia si susseguono nell’arco della giornata, fino a sera. Da allora, quando le condizioni lo permettono, continuiamo a sperimentare gli effetti sinergici di queste interazioni (delfini esclusi, naturalmente!) nei laboratori con i bambini di diverse età, riscoprendo sempre con stupore quanto questo metodo favorisca l’espressività e l’interazione, in un clima giocoso, dove la dimensione affettiva trova più agevolmente spazio, grazie alla presenza del co-terapeuta a quattro zampe. PET THERAPY Il termine “Pet Therapy” fu coniato negli anni ’60 dal neuropsichiatra infantile Boris Levinson che lo utilizzò nel suo libro “The dog as co-therapist” per definire una nuova tecnica di intervento terapeutico basato sull’utilizzo degli animali nei processi di guarigione. Nel 1953 il medico prese in cura un bambino affetto da una grave forma di autismo, nei cui confronti varie terapie non avevano sortito alcun effetto. Durante la prima seduta, il piccolo paziente rifiutò qualsiasi tipo di interazione col terapeuta, mostrando invece curiosità e interesse nei confronti di Jingles, il giovane cocker del medico. Nelle sedute successive il bambino giocò con Jingles e il dottore rimase in disparte, inserendosi gradualmente nel gioco e riuscendo, così, ad instaurare un rapporto col piccolo paziente. A partire da quell’episodio, Levinson iniziò ad impiegare in maniera sistematica cani o gatti nelle sedute ed elaborò la propria teoria sulla psicoterapia infantile con l’ausilio di animali domestici, basata sul gioco quale mezzo di comunicazione preferenziale, tanto per il bambino, quanto per l’animale. Fu così che nel 1961 nacque ufficialmente la “terapia con gli animali” come vera e propria tecnica di intervento terapeutico: l’animale diventa co-terapeuta nel processo di guarigione, rivestendo il ruolo di “mediatore emozionale” e “catalizzatore” dei processi socio-relazionali. In ambito educativo (AnimalAssistedEducation -AAE),sono previsti obiettivi specifici prevalentementedi carattere cognitivo e psicosociale, in diversi ambiti quali la didattica, l’educazione civica e ambientale, l’attività ludica, con particolare attenzione all’aspetto della prevenzione del bullismo, all’educazione all’ascolto e all’intervento attivo. QUANDO LA DANZA SI FA GIOCO Da sempre, la danza appartiene all’uomo; tuttavia essa continua ad essere considerata privilegio di pochi, poiché la conoscenza che se ne ha risulta generalmente legata ai modelli classici e/o televisivi. Non tutti, infatti, conoscono i principi pedagogici che sottendono alla danza moderna e contemporanea, così come le profonde ed arcaiche strutture che si ritrovano in pressoché tutte le danze tradizionali. Il movimento e la danza, al di là degli stereotipi, divengono preziosi strumenti nell’educazione e nella crescita di ogni individuo. La danza nasce dai piccoli gesti quotidiani: gesti che nascono per poi diventare movimento ripetuto, ricercato, e infine danzato. In questo, i bambini sono i nostri veri maestri: essi esplorano il mondo attraverso il proprio corpo, e solo dopo ripetuti viaggi, tra sé e l’altro da sé, iniziano ad assegnare nomi alla realtà che percepiscono. L’esperienza corporea è, dunque, il primo veicolo di conoscenza di ciò che ci sta intorno. Tutti i bambini sono danzatori per natura ed hanno innata la conoscenza e la bellezza dei movimenti primordiali: scivolare, rotolare, dondolare, saltare, correre… I bambini padroneggiano il movimento creativo, tuttavia sovente lo disimparano, a causa di un sistema educativo che troppo spesso tende ad imbrigliare tale spontaneità, gettando le basi per una dicotomia tra corpo ed emozioni. Coltivare un’intelligenza emotiva rappresenta la possibilità di sviluppare competenze indispensabili nella vita di un individuo, a partire dall’infanzia : andare a scuola di emozioni, tanto per un bambino quanto per un adulto, significa prima di tutto diventare consapevole, saper riconoscere ed accettare ciò che muove dentro, tollerare le frustrazioni, sviluppare la capacità di essere empatici, cooperare e stabilire legami sociali. Sviluppare tali potenzialità attraverso il corpo, mediante il ritmo, il movimento, il gioco e la danza, trasforma il processo di (ri)apprendimento in un meraviglioso viaggio tra le infinite possibilità dello spazio creativo.

Dati Aggiornati al: 03-11-2018 00:03:02

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Bambini

Quando: Sabato 10-11-2018 alle 16:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Città di Torino - Centro

Indirizzo: Non Specificato Torino

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento