WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Esiste un solo bene, la conoscenza, e un solo male, l'ignoranza. Socrate

> Home > Eventi a Torino del 11-04-2019 > Mostre e Cultura > LE TAVOLE DI PRIMAVERA

LE TAVOLE DI PRIMAVERA

LE TAVOLE DI PRIMAVERA

 

 

Con l’arrivo della primavera, il Museo Accorsi-Ometto si “veste a nuovo”: infatti, a partire dall’11 aprile, sarà possibile ammirare una serie di splendide tavole, allestite in collaborazione con VIVANT Associazione per la valorizzazione delle tradizioni storico-nobiliari e Fondazione Arte Nova di Romano Canavese.

In cucina protagonista assoluto sarà lo stile liberty: infatti, si potrà ammirare una serie di servizi, realizzati tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Sulla tavola da pranzo sarà presentato un bel servizio in porcellana di Sarreguemines, celebre manifattura del nord della Francia, i cui battenti aprirono nel 1790.I piatti qui esposti presentano motivi ornamentali cari a Paul de Geiger, ideatore del celebre “Giardino d’inverno” - un padiglione costruito tra il 1880 e il 1882
e decorato da mattonelle di ceramica - e ispirati al decoro delle stoffe antiche e delle stampe giapponesi, come i fiori di peonie e i sottili rami d’edera.
Liberty sono anche i calici in cristallo, le compostiere in argento e le eleganti posate, tutti creati sull’esempio di modelli belgi e francesi di primo Novecento.
Pronti per il caffè e per il tè sono, invece, i servizi realizzati in argento e in rame che testimoniano l’adattabilità del nuovo gusto estetico alle necessità d’immagine della vecchia classe dirigente europea della Belle Époque.

Il servizio da tavola esposto in sala da pranzo, invece, fu realizzato dalla manifattura di Ludwigsburg negli anni Settanta-Ottanta del XVIII secolo. Composto da piatti, vassoi, compostiere e zuppiere, è caratterizzato da un decoro pittorico floreale ispirato alla primavera. Mai esposto al pubblico prima d’ora, proviene da una collezione privata torinese.
La manifattura ducale di Ludwigsburg, cittadina tedesca a nord di Stoccarda e, all’epoca, capitale del Ducato di Württemberg, aprì, ufficialmente, i cancelli nel 1758. Già nel 1729 il duca Everardo Ludovico (Stoccarda 1676 – Ludwigsburg 1733) aveva finanziato la creazione di una fabbrica di porcellane, affidandone la gestione al fabbricante di vetri e specchi, Elias Vater. Fallito questo primo tentativo, ne seguirono altri, tutti destinati a esaurirsi nel giro di pochi anni. Fu solo nel 1758 che il duca Carlo Eugenio (Bruxelles 1728 – Stoccarda 1793) istituì una manifattura “nazionale”, investendovi propri capitali e mettendo a disposizione vecchi fabbricati di proprietà della Corte. Entrata in crisi a seguito del coinvolgimento dei duchi nella Guerra dei Sette Anni (1756 – 1763), la manifattura produsse, dopo il 1759, oggetti ispirati, nelle forme e nei decori, a quelli realizzati a Sévres, in Francia. Lo sviluppo della produzione contribuì a far conoscere Ludwigsburg in tutta Europa, prima del trasferimento degli apparati di governo a Stoccarda nel 1775 e della definitiva chiusura della manifattura, avvenuta per motivi economici, nel 1824.

L’evento, che intende ricreare la suggestione dei momenti conviviali condivisi durante i pranzi e le chiacchere da salotto alla fine del XIX secolo, è finalizzato a far riscoprire il fascino delle arti decorative, ieri come oggi, veicolo di conoscenza e di immagine.

CONVENZIONE: presentando il biglietto della mostra, sconto di € 5 presso il ristorante e caffetteria Le Jardin Fleuri, una villa del primo Novecento, ristrutturata in maniera filologicamente coerente ai dettami dell'Art Nouveau ed arredata con mobili originali. Al suo interno, si potrà vivere un'esperienza di arte totale che parte dal gusto liberty e arriva ai giorni nostri, con le rivisitazioni dei menu dell'epoca dello chef Denis Iaccarini.
Le Jardin Fleuri, Via Santa Teresina 25, Romano Canavese (TO). Telefono: 0125 861054
Aperto da mercoledì a sabato 19,00 - 22,30 (solo menu à la carte). Sabato e domenica anche a pranzo (menu tradizionale)


Dati Aggiornati al: 09-04-2019 10:55:27

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 10:00 dal 11-04-2019 al 12-05-2019

Dove: Museo Accorsi - Ometto - Museo Di Arti Decorative

Prezzo: € 3,00

Link: Sito Web dell'evento