WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Vivere non è concepire ciò che bisogna fare, è farlo. Henri-Frédéric Amiel

> Home > Eventi a Torino del 12-04-2019 > Mostre e Cultura > Vite Scritte

Vite Scritte

Vite Scritte

 

 

Lo scrittore Bachtyar Ali e la poetessa Fatma Savci dialogano con Pier Franco Brandimarte alla Scuola Holden. L'incontro è organizzato nell'ambito del festival Culture Sconfinate - Çanda Bêsînor 2019. Bachtyar Ali nasce nel 1960 nella città di Slemani, nel Kurdistan del Sud. È romanziere, critico letterario, saggista e poeta. Ha pubblicato sei romanzi e diverse raccolte di poesie e saggi. Dalla metà degli anni '90, Ali vive in Germania. Nei suoi saggi affronta vari argomenti, tra cui la campagna sul genocidio di Anfal del 1988, la relazione tra il potere e gli intellettuali e altre questioni filosofiche. Nel 2016 il suo romanzo Ghezelnus u Baxekani Xeyal (" Ghazalnus and the Gardens of Imagination" ) viene pubblicato in inglese con il titolo I Stared at the Night of the City. Il romanzo, il primo in lingua curda ad essere stato pubblicato in lingua inglese, è stato tradotto dal giornalista e traduttore londinese Kareem Abdulrahman. Nello stesso anno, il suo romanzo Duwahamin Henari Dunya (" The World's Last Pomegranate" ) è tradotto in tedesco da Rawezh Salim e Ute Cantera-Lang con il titolo Der letzte Granatapfel (" The Last Pomegranate" ). Nata a Mêrdîn-Nisêbîn, Fatma Savci cresce in un mondo in cui parlare curdo è reato. All’età di sedici anni si unisce al Movimento di resistenza per la libertà del Kurdistan. A causa del suo attivismo politico, viene arrestata diverse volte. Una di queste viene incarcerata proprio per non aver voluto smettere di parlare curdo nell’aula di tribunale. Nemmeno le sbarre riescono ad arrestare il corso delle sue parole: qualcuno porta fuori dalla prigione le poesie di Savci, che vengono pubblicate su giornali e riviste. Dopo la scarcerazione nel 2003, lavora come giornalista per riviste culturali e per la televisione turca, pubblicando poesie, testi e libri di storia. Inoltre, comincia a insegnare la lingua a bambini e adulti presso l'Istituto curdo di Istanbul. Ha continuato a dedicarsi all'arte e alla cultura curda e, per farlo in libertà, si è trasferita in Svezia, dove ora vive insegnando curdo e svedese. Pier franco Brandimarte è uno scrittore classe 1986. Laureato a Bologna in Mass Media e Politica, ha frequentato la Scuola Holden di Torino. Con il suo romanzo d'esordio, " L'Amalassunta" (Giunti, 2015) si è aggiudicato l'edizione 2014 del Premio Calvino.

Dati Aggiornati al: 11-04-2019 22:12:57

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Venerdì 12-04-2019 alle 18:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Scuola Holden

Indirizzo: Piazza Borgo Dora, 49 Torino

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento