WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa accade attorno a noi...

> Home > Eventi a Torino del 16-06-2019 > Mostre e Cultura > Presentazione di " Febbre" di Jonathan...

Presentazione di " Febbre" di Jonathan Bazzi

Presentazione di " Febbre"  di Jonathan Bazzi

 

 

Presentazione di " Febbre" (Fandango Libri) di Jonathan Bazzi. Intervengono Beatrice Dorigo aka Beatrina Incorporella, libraia e blogger e " fondatrice" della Società Anonima Lettori e Giorgio Ghibaudo di Arcigay Torino " Ottavio Mai" , scrittore e redattore di Crack Rivista. " Febbre" è un romanzo straordinario, un esordio eccezionale che sfugge a ogni tipo di “definizione” per essere ciò che è. L’urgenza che pervade ogni pagina è espressa attraverso una scrittura incisiva, potente, mai retorica. E se autore e protagonista convergono, questo non diventa mai un limite del romanzo del quale noi cogliamo solo la verità e la sincerità. " Febbre" parla di rinascita, del darsi la possibilità di esprimersi lasciandosi alle spalle il passato e quelle ferite che, solo attraverso la consapevolezza, possono guarire. Non è un percorso facile – anzi è spesso doloroso e irto di ostacoli – ma è possibile affrontarlo. Per uscirne forti come non si era mai creduto di essere. “…La scrittura impone un passo diverso, conduce a trascendere l’ego, richiede disciplina, esige distacco e misura. Butta il tuo cuore sulla pagina e qualche cosa succederà. Bazzi lo fa senza sentimentalismo e – effetto del morbo, della ferita che non si chiude – senza autocelebrazione. Non scrive un diario né usa la scrittura come terapia. Si avvale però della letteratura come alchimia, per trasformare la sua vita in un romanzo” (Alessandro Iadicicco, La Lettura) Jonathan ha 31 anni nel 2016, un giorno qualsiasi di gennaio gli viene la febbre e non va più via, una febbretta, costante, spossante, che lo ghiaccia quando esce, lo fa sudare di notte quasi nelle vene avesse acqua invece che sangue. Aspetta un mese, due, cerca di capire, fa analisi, ha pronta grazie alla rete un’infinità di autodiagnosi, pensa di avere una malattia incurabile, mortale, pensa di essere all’ultimo stadio. La sua paranoia continua fino al giorno in cui non arriva il test dell’HIV e la realtà si rivela: Jonathan è sieropositivo, non sta morendo, quasi è sollevato. A partire dal d-day che ha cambiato la sua vita con una diagnosi definitiva, l’autore ci accompagna indietro nel tempo, all’origine della sua storia, nella periferia in cui è cresciuto, Rozzano – o Rozzangeles –, il Bronx del Sud (di Milano), la terra di origine dei rapper, di Fedez e di Mahmood, il paese dei tossici, degli operai, delle famiglie venute dal Sud per lavori da poveri, dei tamarri, dei delinquenti, della gente seguita dagli assistenti sociali, dove le case sono alveari e gli affitti sono bassi, dove si parla un pidgin di milanese, siciliano e napoletano. Dai cui confini nessuno esce mai, nessuno studia, al massimo si fanno figli, si spaccia, si fa qualche furto e nel peggiore dei casi si muore. Figlio di genitori ragazzini che presto si separano, allevato da due coppie di nonni, cerca la sua personale via di salvezza e di riscatto, dalla predestinazione della periferia, dalla balbuzie, da tutte le cose sbagliate che incarna (colto, emotivo, omosessuale, ironico) e che lo rendono diverso. Un libro spiazzante, sincero e brutale, che costringerà le nostre emozioni a un coming-out nei confronti della storia eccezionale di un ragazzo come tanti. Un esordio letterario atteso e potente. Jonathan Bazzi è nato a Milano nel 1985. Cresciuto a Rozzano, estrema periferia sud della città, è laureato in Filosofia. Appassionato di tradizione letteraria femminile e questioni di genere, ha collaborato con varie testate e magazine, tra cui Gay.it, VICE, The Vision, Il Fatto Quotidiano. Alla fine del 2016 ha deciso di parlare pubblicamente della sua sieropositività con un articolo (“Ho l’HIV e per proteggermi vi racconterò tutto”) diffuso in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS. Evento organizzato in collaborazione con Arcigay Torino " Ottavio Mai" e Crack Rivista.

Dati Aggiornati al: 10-06-2019 23:31:35

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Domenica 16-06-2019 alle 18:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Spazio B

Indirizzo: via Carlo Alberto 41/g Torino

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento