WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa accade attorno a noi...

> Home > Eventi a Torino del 05-10-2020 > Musica e Spettacoli > 29° stagione Polincontri Classica Ripartono i...

29° stagione Polincontri Classica Ripartono i Concerti al Politecnico

29° stagione Polincontri Classica Ripartono i Concerti al Politecnico

 

 

29° stagione Polincontri Classica Ripartono i Concerti al Politecnico

Da Beethoven a Kubrick, la musica non si ferma al Poli

Ripartono i Concerti al Politecnico con tutte le procedure relative all’emergenza Covid 19 e in piena sicurezza, di comune accordo con il Politecnico stesso; quest’anno Polincontri Classica festeggia la sua ventinovesima edizione con una nuova assai ricca stagione, come di norma suddivisa in due blocchi: ottobre - dicembre 2020 e gennaio - maggio 2021 (con la sospensione di febbraio come sempre).
La stagione 20/21 è stata realizzata con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2020 del bando “Performing Arts”. Polincontri Classica fa parte di PERFORMING +, un progetto per il triennio 2018-2020 lanciato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo con la collaborazione dell’Osservatorio Culturale del Piemonte, che ha l’obiettivo di rafforzare le competenze della comunità di soggetti non profit operanti nello spettacolo dal vivo in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. La 29° stagione di Polincontri si avvale altresì del contributo di Regione Piemonte e Politecnico di Torino.
Molta la musica da camera, i recital solistici, qualche curiosità e anche alcune sorprese, entro una programmazione dinamica e variegata. Una stagione - come comprensibile - in gran parte dedicata a Beethoven e alla ricorrenza del 250° dalla nascita, ma anche allo svolgimento in corso da un po’ di tempo dell’integrale altresì delle Sonate di Mozart per violino e pianoforte e alcuni percorsi inconsueti incentrati sul legame classica e cinema (che vede Torino capitale della ‘settima musa’ proprio in questo 2020) per consentire personali confronti da parte del fedele pubblico di Polincontri avvezzo a percorsi guidati per una crescita culturale costante (un esempio per tutti: da Schubert a Beethoven, a Kagel e alle pellicole di Kubrick il salto è davvero breve, ma senza dubbio stimolante per confronti e personali percorsi di crescita).

Alcuni concerti sono realizzati in collaborazione con l’Associazione Il Timbro di Ivrea, Onda Sonora di Alessandria e l’Istituto Musicale Città di Rivoli (quest’ultimo vede anche il gemellaggio con Polincontri per il ciclo Scienza e Creatività: quattro eventi fuori abbonamento in gennaio e marzo 2021 equamente divisi tra Politecnico e Castello di Rivoli).
Anche per questa nuova edizione, Polincontri Classica mantiene immutato l’orario d’inizio concerti (ore 18 sempre il lunedì). 20 gli eventi in stagione entro la cornice di lusso dell’Aula Magna ‘G. Agnelli’ del Politecnico di Torino - accessibile ai portatori di handicap - sala dall’impareggiabile acustica, dotata di uno in assoluto tra i migliori pianoforti della città, uno Steinway grancoda da decenni apprezzato dalle centinaia di interpreti che si sono avvicendati alla sua tastiera.

L’onere e l’onore dell’inaugurazione al Trio Raffaello il prossimo 5 ottobre: “Da Vienna alla Boemia” il titolo dell’evento che prevede l’esecuzione di pagine di Beethoven (rientra nell’ambito dell’integrale dei Trii) accostate a Smetana.

Scorrendo la stagione si vede - come sempre - la presenza di qualificati pianisti: e allora Giacomo Fuga (tutto Chopin il 12 ottobre), Filippo Gamba ancora con tutto Beethoven il 9 novembre, Gianluca Luisi in un accostamento accattivante tra pagine del sommo Bach e i Preludi chopiniani (12 aprile), Claudio Voghera con il violinista Francesco Manara il 26 ottobre per Mozart, Roberto Prosseda con il violoncello di Massimo Macrì il 23 novembre per pagine di Mendessohn, Antonio Valentino (in abbinamento al violinista Amiran Ganz l’8 marzo).

Le formazioni da camera hanno un ruolo fondamentale e dunque, oltre al Trio Raffaello, si alterneranno sul palco del Poli il Trio Metamorphosi il 19 ottobre per i Trii beethoveniani (op. 1 n. 2 e ‘l’Arciduca’), il Trio Kanon per l’op. 70 n. 2 e un Trio di Brahms (16 novembre), il Trio di Torino (formazione in residence di Polincontri) il 14 dicembre per Schubert in accostamento alla proiezione di una selezione della pellicola Barry Lyndon (al cui interno la pagina riveste un ruolo fondamentale, ben più di una colonna sonora…), il Quartetto Auryn per un pomeriggio dedicato agli ultimi Quartetti composti da Haydn, Beethoven e Schubert (25 gennaio); il Quartetto Delian per un concerto spettacolo multimediale (19 aprile) dedicato alla bachiana Arte della Fuga BWV 1080, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Matematiche del Politecnico e - felice conclusione - il 3 maggio con il Quartetto Liskamm ancora per Beethoven, ma questa volta accostato a Bartók.

Un posto speciale è occupato dall’ Ensemble Kreutzer con il Settimino beethoveniano (2 novembre) e dal Quintetto Arthur per il Quintetto op. 114 D 667 di Schubert (‘Forellen Quintett’) che non mancherà di regalare emozioni accostato a una pagina di Hummel con la medesima formazione cameristica, ovvero col contrabbasso. Da non perdere, anche perché entrambre le formazioni sono costituite da prime parti dell’OSNRai; e non è cosa da poco.

Non manca la musica vocale con il Coro Convivium Vocis diretto da Paolo Venturino (anche al pianoforte) in un accattivante programma mozartiano che si spinge fino a lambire il Requiem K 626 (l’11 gennaio).

Completano il programma due conferenze in marzo: Paolo Venturino dedica il pomeriggio al Clavicembalo ben temperato di Bach (il 22) e Attilio Piovano incentrerà l’attenzione sulla figura del giovane Felix Mendelssohn con un supporto multimediale (il 29). Ma Polincontri Classica non è solo ‘classica’: ecco dunque la presenza del jazz e le sue improvvisazioni con Inside Out, duo formato da Markus Stockausen alla tromba (figlio d’arte naturalmente!) e il pianista Florian Weber (il 26 aprile in collaborazione con Torino Jazz Festival e Chamois’ic nonché il consueto appuntamento (in marzo) consacrato alla maratona studentesca con gli studenti di Ingegneria e di Architettura pronti a trasformarsi a loro volta in pianisti-concertisti, ma non solo: in pratica una sventagliata di strumenti, generi e autori diversi con gli iscritti al Politecnico che si dedicano anche allo studio di uno strumento.

Inoltre collaborazioni con la Biennale della Tecnologia: un concerto fuori abbonamento a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria, con il jazz di Gershwin e improvvisazioni su suoi temi indimenticabili declinato in versione per pianoforte, violino e clarinetto con i fratelli Enrico e Gabriele Pieranunzi affiancati da Gabriele Mirabassi (12 novembre), e la consueta collaborazione con la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Torino il 21 dicembre dedicata per l’appunto al cinema in biblico tra Beethoven, Kagel e Kubrick.

La brochure completa e tutti i dettagli dei singoli concerti su www.polincontri.polito.it/classica/


Condizioni di accesso:
Seguendo le normative e le procedure Covid 19 si rende noto che la capienza dell’Aula Magna è stata portata a posti 200; pertanto verranno venduti un massimo di 150 abbonamenti. Gli abbonati dovranno presentarsi entro le ore 17.30. Gli ingressi saranno venduti a partire dalle 17.15 e, dopo le 17.30, alla concorrenza dell’esaurimento della capienza stessa della sala. Abbonamenti a partire dal 14 settembre 2020 con bonifico bancario fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Abbonamento: soci frequentatori euro 80, soci sostenitori euro 120
Ingresso: euro 8
Giovani fino a 28 anni e dipendenti Politecnico: ingresso libero


Per informazioni: POLINCONTRI Orario: 9.30 - 12.45; 13.30 - 17.00 Tel. +39 011.090.7926/7806 - fax +39 011.090.7989 e-mail: Polincontri@polito.it - www.polincontri.polito.it/classica/ Comunicazione e Immagine: Cynthia Burzi cy.burzi@alice.it +39 348 710 77 57



Ente Organizzatore: POLINCONTRI Presidente: Giovanni Cadinu Direttore artistico: Marco Masoero Organizzazione: Emma Angelini, Luisella Caire, Jorge Cordovez, Laura Farinetti, Guido Rizzi, Oscar Vento Comunicazione e Immagine: Cynthia Burzi Coordinamento redazionale: Attilio Piovano


*****************************



2020 PROGRAMMA 2021
XXIX edizione
I CONCERTI DEL POLITECNICO
POLINCONTRI CLASSICA


POLITECNICO DI TORINO
Aula Magna “Giovanni Agnelli”
corso Duca degli Abruzzi 24
inizio concerti ore 18,00


2020

1) Lunedì 5 ottobre 2020 Da Vienna alla Boemia
Trio Raffaello
Marco Fiorini violino
Ivo Scarponi violoncello
Stefano Scarcella pianoforte

Beethoven Trio in si bemolle maggiore WoO 39
Trio in mi bemolle maggiore op. 1 n. 1
Smetana Trio in sol minore op. 15

nell’ambito dell’integrale dei Trii di Beethoven


2) Lunedì 12 ottobre 2020 Full immersion col genio polacco
Giacomo Fuga pianoforte
Chopin Fantasia in fa minore op. 49
Improvviso in la bemolle maggiore op. 29
Valzer in la bemolle maggiore op. 64 n. 3
Ballata n. 3 in la bemolle maggiore op. 47
Barcarolle in fa diesis maggiore op. 60
Sonata n. 3 in si minore op. 58


3) Lunedì 19 ottobre 2020 La lezione di Haydn e l’allievo Rodolfo
Trio Metamorphosi
Mauro Loguercio violino
Francesco Pepicelli violoncello
Angelo Pepicelli pianoforte

Beethoven Trio in sol maggiore op. 1 n. 2
Trio in si bemolle maggiore op. 97 (L’Arciduca’)
nell’ambito dell’integrale dei Trii di Beethoven

4) Lunedì 26 ottobre 2020 La via dell’equilibrio
Francesco Manara violino
Claudio Voghera pianoforte

Mozart Sonata in do maggiore K 296
Sonata in mi bemolle maggiore K 380
Sonata in si bemolle maggiore K 378
Sonata in mi bemolle maggiore K 481

nell’ambito dell’integrale delle Sonate di Mozart per violino e pianoforte
in collaborazione con l’Associazione Musicale Onda Sonora di Alessandria



5) Lunedì 2 novembre 2020 Far musica in sette
Ensemble Kreutzer (membri OSNRai)
Constantin Beschieru violino
Clara Trullén Sáez viola
Marco Dell’Acqua violoncello
Alessandro Belli contrabbasso
Graziano Mancini clarinetto
Marco Panella corno
Bruno Giudice fagotto

Beethoven Settimino in mi bemolle maggiore op. 20
per violino, viola, violoncello, contrabbasso, clarinetto, corno e fagotto

6) Lunedì 9 novembre 2020 Per aspera ad astra
Filippo Gamba pianoforte

Beethoven Sonata in fa minore op. 2 n. 1
Sonata in la bemolle maggiore op. 26 (’Marcia funebre’ )
Sonata in mi minore op. 90
Sonata in la maggiore op. 101


7) Lunedì 16 novembre 2020 Due grandi allo specchio
Trio Kanon
Lena Yokoyama violino
Alessandro Copia violoncello
Diego Maccagnola pianoforte

Beethoven Trio in mi bemolle maggiore op. 70 n. 2
Brahms Trio n. 1 in si maggiore op. 8

nell’ambito dell’integrale dei Trii di Beethoven
in collaborazione con l’Associazione Il Timbro di Ivrea


8) Lunedì 23 novembre 2020 Nomen omen. Il sommo Felix
Roberto Prosseda pianoforte
Massimo Macrì violoncello

Mendelssohn Sonata in mi maggiore op. 6
Fantasia in fa diesis minore op. 28 (Sonate écossaise)
Variations sérieuses in re minore op. 54
per pianoforte solo
Sonata n. 2 in re maggiore op. 58
per violoncello e pianoforte


9) Lunedì 30 novembre 2020 Gran finale con trota
Quintetto dell’OSNRai
Francesco Punturo violino
Margherita Sarchini viola
Michelangiolo Mafucci violoncello
Antonello Labanca contrabbasso
Valentina Messa pianoforte

Hummel Quintetto con pianoforte in mi bemolle maggiore op. 87
Schubert Quintetto con pianoforte in la maggiore op. 114 D. 667
(‘Forellen Quintett’)


10) Lunedì 14 dicembre 2020 Franz e l’op. 100: il top
Trio di Torino
(Trio in residence)
Sergio Lamberto violino
Umberto Clerici violoncello
Giacomo Fuga pianoforte

Schubert Trio in mi bemolle maggiore op. 100 D 929

L’interpretazione del Trio op. 100 sarà preceduta dalla proiezione di una selezione dal film Barry Lyndon (1975) di Stanley Kubrick, al cui interno l’Adagio riveste un ruolo fondamentale.
Il commento sarò affidato a un importante critico cinematografico e studioso di storia del cinema.

Nell’ambito di Torino Città del Cinema 2020


11) Lunedì 21 dicembre 2020 Ludwig, Mauricio e la celluloide
Allievi e Docenti della
Scuola di Musica Elettronica (SMET)
del Conservatorio ‘G. Verdi’ di Torino

“Beethoven K&K”
Spettacolo-concerto volto ad esplorare il rapporto fra la musica di Beethoven e l’immaginario di due protagonisti della scena cinematografica e musicale del XX secolo: Stanley Kubrick e Mauricio Kagel. Nell’ambito di Torino Città del Cinema 2020


2021

12) Lunedì 11 gennaio 2021 Wolfgang e il sublime
Paolo Venturino pianoforte e direzione
Coro Convivium Vocis
Chiara Zunino soprano
Igina Coppa mezzosoprano
Mitjia Liboni tenore
Luigi Vicari basso

“Mozart: dalla Fantasia K 608 al Requiem K 626”
Conferenza-concerto

13) Lunedì 25 gennaio 2021 L’ultimo quartetto
Quartetto Auryn
Matthias Lingenfelder violino
Jens Oppermann violino
Stewart Eaton viola
Andreas Arndt violoncello

Haydn Quartetto in re minore op. 103 Hob III: 83
Beethoven Quartetto in fa maggiore op. 135
Schubert Quartetto in sol maggiore op. 161 D 887


14) Lunedì 8 marzo 2021 Magie timbriche nel ‘900 (e non solo)
Amiram Ganz violino
Antonio Valentino pianoforte

Mozart Sonata in fa maggiore K 376
Prokof’ev Sonata n. 1 in fa minore op. 80
Ravel Sonata n. 1 (postuma)
Sonata n. 2


15) Lunedì 15 marzo 2021 Gli anni dopo il tempo delle mele
Maratona studentesca
classica, pop e jazz


16) Lunedì 22 marzo 2021 Numeri, suoni e molto di più
Paolo Venturino relatore e pianoforte

Il temperamento di Dio: scoperte e significato del Clavicembalo ben temperato
Conferenza-concerto


17) Lunedì 29 marzo 2021 Il giovane Felix, tra Italia e Scozia
Attilio Piovano musicologo e pianoforte

Effetti collaterali del Gran Tour europeo di un ventenne di genio
Conferenza-concerto


18) Lunedì 12 aprile 2021 L’alfa e l’omega
Gianluca Luisi pianoforte

Bach Il Clavicembalo ben temperato I libro (selezione)
Chopin Preludi op. 28 (selezione)


19) Lunedì 19 aprile 2021 Polifonia e Assoluto
Quartetto Delian
Adrian Pinzaru violino
Andreas Moscho violino
Lara Albesano viola
Hendrik Blumenroth violoncello

Bach L’arte della fuga BWV 1080
(trascrizione per quartetto d’archi)

concerto-spettacolo multimediale
dal progetto Insight Bach, The art of Fugue, sviluppato dal Quartetto Delian con il videoartista Marc Molinos


20) Lunedì 26 aprile 2021 Creatività in tempo reale
Inside Out
Markus Stockhausen tromba
Florian Weber pianoforte

Jazz, scrittura e improvvisazione

In collaborazione con Torino Jazz Festival e CHAMOISic

21) Lunedì 3 maggio 2021 In quattro, nei secoli
Quartetto Lyskamm
Cecilia Ziano violino
Clara Franziska Schötensack violino
Francesca Piccioni viola
Giorgio Casati violoncello

Bartók Quartetto n. 2 op. 17
Beethoven Quartetto in do minore op. 18 n. 4

in collaborazione con l’Associazione Il Timbro di Ivrea




Dati Aggiornati al: 30-09-2020 20:18:03

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 18:00 dal 05-10-2020 al 21-12-2020

Dove: Aula Magna G. Agnelli

Indirizzo: corso duca degli abruzzi 24 torino

Prezzo: 8.00 euro

Link: Sito Web dell'evento