...libero + gratuito + utile = WikiEventi...

> Home > Eventi a Torino del 31-01-2015 > Musica e Spettacoli > RESIDUO EQUILIBRIO. Sulla relazione tra danza e...

RESIDUO EQUILIBRIO. Sulla relazione tra danza e musica

RESIDUO EQUILIBRIO. Sulla relazione tra danza e musica

 

 

Laboratorio a cura di Sara Marasso e Stefano Risso.

C’è un quid di vitalità, un’intensità che si produce tra la musica e il movimento in reciproca relazione che vorremmo mantenere in ogni forma compositiva. Non c’è a ben vedere alcuna differenza tra “improvvisazione” e “scrittura”, coreografica e musicale: entrambe sono modalità di composizione che si differenziano solo nel tempo della loro esecuzione e nella possibilità di revisionare o meno quanto scelto.
Imparare a comporre nel tempo rapido dell’accadere richiede un lavoro lungo di preparazione e un allenamento specifico del corpo/strumento che è particolarmente interessante per ciò che presuppone e provoca.
Nella danza richiede un lavoro sulla percezione per saper guidare l’attenzione in ogni punto del corpo in una sorta di processo di dilatazione spaziale e ritmica che lo renda come densificato, a tal punto che il suo spostarsi nello spazio sia sufficientemente leggibile.
Chiede di stare all’interno di un tempo lungo in cui possano emergere direzioni chiare, un disegno, una forma riconoscibile. Definisce una ricerca che parte dalla messa in evidenza del pre-movimento come la presa di appoggio prima di un passo, le pause o le sospensioni tra un passaggio di peso e l’altro. In un gioco di alternanza tra una qualità dinamica di leggerezza - liquida, circolare, periferica e una di peso - stabile, lineare, centrale.
Nella musica presuppone una profonda capacità di gestione degli elementi messi in gioco e richiede di ridurre il materiale al minimo imponendosi di lavorare sulla sua costruzione e sviluppo.
La composizione è senza dubbio una delle migliori palestre per l'improvvisazione; componendo si riesce a vedere con una certa distanza non solo l'oggetto musicale (nel quale siamo nel momento dell'improvvisazione) ma anche la sua forma e il suo svilupparsi nel corso del tempo. Improvvisando tutto ciò è meno facile. Il lavoro proposto si prefigge di evidenziare i modi caratteristici di una e dell'altra forma creativa in modo di arrivare ad una consapevolezza che permetta di poter utilizzare incondizionatamente gli elementi dell'una nell'altra e viceversa. Quello che si potrebbe definire come " improvvisazione compositiva" . Alla ricerca di equilibrio fra tempo e momento, fra razionalità ed istinto.
La sfida quindi, per il musicista come per il danzatore, sta nel riuscire a mantenere la vitalità del momento presente e di ciò che contiene - come l’inaspettato e la coincidenza - perfetta perché non cercata ma accaduta -, dando a tutto ciò un senso formale tale da poter apparire scritto ovvero diventare a pieno titolo una forma di scrittura. Con l’auspicio che sappia mantenere la stessa forza e profondità che ogni processo compositivo, di qualunque tipo, richiede nel suo sforzo di con-tenere emozioni.

GIORNI E ORARI:
sabato 31 gennaio 2015 h 17,00-21,00
domenica 1 febbraio 2015 h 10.00-14.00.

LUOGO:
Luft casa creativa, Via Pier Dionigi Pinelli, 54 - 10144 Torino (It).

QUOTA D’ISCRIZIONE:
euro 90,00 (comprensivi di tesseramento dove necessario).

RIDUZIONI:
sconto del 10% dietro presentazione di matricola enpals e per studenti DAMS.

N.B.:
Per iscrizioni luft@zerogrammi.org. L’attività prevede la partecipazione di un numero massimo di 10 iscritti, al raggiungimento del quale le iscrizioni saranno chiuse.

Sara Marasso, danzatrice e coreografa.
Fin dall’inizio il suo interesse per la danza nasce come occasione di esplorazione privilegiata del corpo considerato nella sua complessità: la sua formazione collega studio teorico e pratica di differenti tecniche di movimento in un ottica di ricerca di un linguaggio contemporaneo per la danza. Dopo un breve periodo di studio a Torino con A. Sagna, M. Francia, G.Rossi, P. Bianchi, prosegue i suoi studi presso il Laban Centre for Contemporary Dance di Londra e a Parigi dove ottiene un diploma post-laurea presso il dipartimento danza dell’Universitè Paris VIII. Approfondisce la danza contemporanea, Laban studies, contact e improvvisazione, Body mind centering e Iyengar yoga con, tra gli altri, P.Kyupers, A.de L.Harwood, J. Hamilton, C.Diverrès, W.Vandekeybus, S.Sandroni, MP. Grilli. Rientrata a Torino, nel 2004 vince il bando moving’up per il supporto e la mobilità dei giovani artisti ed inizia un percorso di creazione site-specific presentando le sue performance in alcuni Festival Internazionali di danza in paesaggio urbano: dall’Havana a Porto e Lisbona, a Genova e a Torino, in occasione delle Olimpiadi della Cultura nel 2006. Nel 2008 il suo primo assolo Solo Carta vince il bando Spazi per la danza contemporanea ed è prodotto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, selezionato poi per il Festival Les Repérages di Lille e da Charleroi Danse. Soluzione parziale a problema transitorio, che segue, è prodotto da Torinodanza Festival nel 2010 e presentato tra l’altro a Belgrado e Dusseldorf. Completa la trilogia lo spettacolo When I dance… selezionato per il premio Equilibrio e che ha debuttato al Festival Interplay nel 2012.
Non abbandona l’interesse specifico per la creazione in spazi non convenzionali e nel 2009 il suo progetto in situ Volte sempre è selezionato per il progetto franco-italiano Marchè Commun (supportato da CNC Maguy Marin, Les Hivernales, Les Invites, Lieux Publics, Corpi Urbani, Mosaicodanza, e TPE). Nel 2013 il primo appuntamento del progetto No strings attached, sulla composizione istantanea in musica e danza, è presentato al Teatro La Marmita di Porto. Attualmente lo spettacolo Mapping, che ha vinto nel 2014 il bando Motori di Ricerca percorsi d’artista tra coreografia e arti visive è diventato un progetto di creazione aperto e dal carattere interdisciplinare, dove all’idea di replica si sostituisce quella di spettacolo in residenza. (www.ilcantiere.net)


Stefano Risso Compositore, produttore e contrabbassista.
La sua grande passione per la canzone lo mantiene sempre a cavallo fra la musica strumentale (jazz, avant-garde) e la musica vocale (rock, folk e d'autore). Ha scritto e prodotto per il teatro e ha collaborato con progetti musicali personali con scrittori e video artisti. Ha all’attivo più di cinquanta dischi, molti dei quali realizzati come leader o co-leader (HellmullerRissoZanoli, Barber Mouse, T.R.E., Vocifero, Les diables Bleus, fra gli altri), con etichette italiane, francesi, inglesi, finlandesi, svizzere e giapponesi, votati e riconosciuti dalle riviste specializzate dei differenti paesi.
Eclettico e curioso, ha suonato con musicisti e gruppi molto diversi fra loro, come Stefano Battaglia, Gianni Coscia, Roy Paci, Francesco De Gregori, Lalli, Meg. I suoi lavori hanno ricevuto ampio riconoscimento dalla critica. Interviste e approfondimenti sui suoi progetti personali e collettivi compaiono nelle principali riviste italiane di settore, come Jazzit e Musica Jazz, e sui siti web specializzati, quali All About Jazz e Jazz Convention. (www.stefanorisso.com)

Dati Aggiornati al: 23-01-2015 08:30:36

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 31-01-2015 alle 17:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: ZEROGRAMMI

Indirizzo: via Pier Dionigi Pinelli 54 Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento