Niente ha bisogno d'esser modificato quanto le abitudini degli altri. Mark Twain

> Home > Eventi a Torino del 26-01-2013 > Mostre e Cultura > Presentazione di Torino è Casablanca e riprende...

Presentazione di Torino è Casablanca e riprende il Cinefrocium

Presentazione di Torino è Casablanca e riprende il Cinefrocium

 

 

sabato 26 gennaio 2013

ore 16.00

presentazione del testo di Emanuele Maspoli:

Torino è Casablanca- Viaggio nella cultura marocchina a Torino

Intervengono l'autore e Maurizio Nicolazzo





Torino città accogliente? il 15% dei residenti in città sono stranieri. In particolare, la comunità marocchina di Torino è la prima d'Italia, ed è importante capire come vivono, cosa pensano questi 'nuovi' torinesi. Com'è cambiata la città nell'incontro della tradizione 'sabauda' con la cultura araba e berbera?
Emanuele Maspoli offre ai lettori un affresco della Torino multiculturale. Si potrà dunque visitare il capoluogo piemontese con uno sguardo particolare e intravedere, nel racconto dei marocchini torinesi, il possibile futuro della città intera. Una città dove bere un tè alla menta o il caffè d'orzo è la stessa cosa, dove mangiare carne halal e pregare in moschea è normale. Una città che nel suo cuore pulsante, Porta Palazzo, s'apre al mondo intero.

Nel testo troviamo anche la storia di Omar, ragazzo gay/transgender che si prostituisce.
www.facebook.com/torinoEcasablanca/info
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/01/11/citta-aperta-la-presenza-marocchina-che-cambia.html

Emanuele Maspoli, nato a Torino nel 1967. Laureato in Scienze Politiche, è operatore culturale e animatore di gruppo in ambito non violento, formatore all'educazione alla pace, interculturalità e gestione delle dinamiche di gruppo, ha aperto nel 1997 il Centro culturale di vacanza " Il lato azzurro" , a Venezia nell' isola di S. Erasmo. Socio del Maurice da anni, è autore di diversi testi sul tema dell'immigrazione, in specie a Torino.

a seguire aperitivo marocchino e alle ore 21.00 riprende il Cinefrocium con il film proposto sempre da Emanuele:

Corazones de Mujer
regia di Davide Sordella, Pablo Benedetti
con Aziz Ahmeri, Ghizlane Waldi, Mohammed Wajid, Medi, Hoja
Italia 2008, 85 min.

C'era una volta il miglior sarto di vestiti arabi della città: si chiamava Shakira e c'era una promessa sposa a cui lui doveva fare il vestito da matrimonio: Zina. Il problema era che Zina aveva già perso la verginità e nel mondo arabo non è permesso. Per tornare a " chilometri zero" saliranno al volante di una vecchia Alfa Romeo Spider, da Torino fino in Marocco e inizieranno il viaggio che le salverà la vita. Per parlare di tematiche tanto scottanti quanto attuali come l'omosessualità, le libertà dell'individuo e di come la verginità e il matrimonio vengano vissuti nel mondo arabo, Sordella e Benedetti scommettono su attori non professionisti e costruiscono questa storia con loro, durante il viaggio, sfruttando i meccanismi di finzione della sceneggiatura che loro stessi hanno scritto. A narrare la vicenda, così profondamente attuale, ci pensano anche le sonorità originali create da Enrico Sabena - e presto edite dalla Warner - tese ad approfondire le personalità dei protagonisti attraverso l'uso di una varietà di stili e di commistioni etniche, intersecando linguaggi antichi con sonorità moderne, per sottolineare l'universalità del dolore, che accomuna ogni popolo della terra. Dopo il precedente Fratelli di Sangue, presentato a Venezia nel 2006, che vantava nel cast la presenza di Fabrizio Gifuni e Barbora Bobulova, il giovane regista Davide Sordella torna al grande schermo con un lavoro realizzato a quattro mani con Pablo Benedetti e prodotto da 011Films. Corazones de Mujer è un insolito road movie che nasce da un incontro tra K. Koosof (Davide Sordella e Pablo Benedetti) e un sarto travestito, sullo sfondo di un locale fumoso della Torino notturna. Il bizzarro racconto, che i due registi hanno ascoltato quella notte, non poteva rimanere segreto: con macchina da presa in spalla - un po' come si faceva ai tempi del " neorealismo" e del " free cinema" - è iniziata la ricerca del villaggio d'origine del sarto, in un viaggio attraverso l'Italia, la Spagna e il Marocco che si è trasformato presto in un viaggio alla ricerca di se stessi, in cui ognuno, in maniera diversa, si è messo in gioco.


Che cos'è il Cinefrocium: i film che hanno segnato la ns. esistenza?
Dopo aver visto Priscilla La Regina Del Deserto hai lasciato il seminario per esibirti en travesti' in un night club?
L'Indiscreto Fascino del Peccato ha provocato la tua rottura definitiva con Comunione e Liberazione e ti ha trascinato nel vortice della lussuria e della perdizione? Transamerica ti ha fatto desiderare un figlio ribelle e sconsiderato?
Sulle note della colonna sonora di Thelma e Luise hai rapinato l'Ipercoop dietro casa e sei fuggita con la cassiera?
Vogliamo sapere tutto! Proponi il film (possibilmente a tematica GBLTQ) che ha segnato in qualunque modo la tua esistenza e proponiti per presentalo a durante una serata con aperitivo al circolo Maurice.
Un modo per conoscerci, ridere, piangere, innamorarsi, eccitarsi ed emozionarsi insieme davanti ai film che hanno segnato la nostra esistenza!


Dati Aggiornati al: Wed 23-01-2013 11:35:31

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Sabato 26-01-2013 alle 16:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Circolo Maurice

Indirizzo: via Stampatori 10 Turin

Prezzo: ..

Link: Sito Web dell'evento