WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Tutto il resto non è vita, ma tempo. Il tempo si butta via, la vita si vive. Seneca

> Home > Eventi a Torino del 25-04-2015 > Musica e Spettacoli > I sentieri della Resistenza

I sentieri della Resistenza

I sentieri della Resistenza

 

 

Vita Partigiana in Val Sangone

testi e regia
Fabrizia Vietto

con
Rosanna Bena
Lucio Celaia
Simone Costrino


Momenti di vita quotidiana che si intrecciano con scelte difficili. Storie di ragazzi, poco più che ventenni, che si trovano ad affrontare uno dei periodi storici più importanti della nostra storia: la “Resistenza”.
Dallo studio del Diario di Guido Quazza (La Resistenza in Italia) -lo stesso si era unito alle formazioni partigiane che operavano nella Val Sangone, divenendo comandante della Brigata «Ruggero Vitrani» e dopo la guerra ordinato professore di storia presso l'Università di Torino- e dei testi di Gianni Oliva “La resistenza alle porte di Torino” e di Marco Comello “Covo di Banditi”, Fabrizia Vietto ha elaborato una messinscena divisa in due quadri.
Nel primo, in cui gli spettatori possono rivivere momenti di vita quotidiana dei partigiani, viene rievocato l’arrivo di Guido Quazza nella zona della Maddalena e il suo incontro con il capo plotone Ugo Veneziani, suo amico e compagno di studi. La scena, ispirata a fotografie d’epoca, è composta da un focolare con una polenta in cottura. Il sopraggiungere della staffetta Assunta, con notizie e viveri trasportati con una gerla, provoca interesse e cambi di situazione.
Nel secondo viene riproposto il momento critico vissuto dalle formazioni partigiane della Val Sangone in seguito all’attacco partigiano del 1 aprile 1944 a Cumiana e la conseguente rappresaglia minacciata dai nazifasciti verso la popolazione locale. Qui, su un canovaccio realizzato dalla stessa Fabrizia, gli spettatori -forniti di capi di vestiario, armi finte e frasi guida-, aiutati dagli attori, possono immedesimarsi nei comandanti partigiani e provare a risolvere la crisi. Dalle soluzioni proposte dagli spettatori, sulla base delle provocazioni degli attori, il dibattito nasce spontaneo.
Lo spettacolo, rappresentato con continuità da nove anni negli stessi luoghi dove questi episodi sono avvenuti, ha come scenario ambienti boschivi e antiche borgate nei pressi della Borgata Maddalena a Giaveno nella Val Sangone.


Info:
Fabrizia Vietto - 348.15.60.534 - fabriziavietto@libero.it
Lucio Celaia - 347.65.83.844 - lucio.celaia.teatro@gmail.com

Dati Aggiornati al: 23-04-2015 08:08:19

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 25-04-2015 alle 10:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Caserma Lamarmora

Indirizzo: -- Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento