...per rimanere sempre informato su ciò che ti circonda...

> Home > Eventi a Torino del 23-05-2015 > Musica e Spettacoli > KALASCIMA live @ FolkClub

KALASCIMA live @ FolkClub

KALASCIMA live @ FolkClub

 

 

Psychedelic Trance Tarantella
Al pomeriggio stage di pizzica pizzica con Veronica Calati
Giornata interamente dedicata alla pizzica salentina. Si parte alle 15 con lo stage di pizzica pizzica di Veronica Calati, che ritorna per la quinta volta (le quattro precedenti a Maison Musique) a furor di popolo. Alle 21.30 concerto a ballo con i Kalàscima, situazione atipica per il FolkClub, dove siamo abituati a gustarci i concerti seduti, ma dopo la positiva esperienza con il Canzoniere Grecanico Salentino a febbraio, questa volta esageriamo: non ci saranno nemmeno le sedie in zona centrale fronte palco, tutto lo spazio libero per ballare.
Kalascima. Rompere gli schemi, far entrare nelle trame della musica popolare salentina una ventata elettronica e visionaria, declinare al presente (con uno sguardo sul futuro) una storia di lotte, di terra, di passioni, di danze frenetiche, facendo entrare in connessione vibrante, come mai era successo sino ad ora, le radici e la tecnologia. Il risultato è Psychedelic Trance Tarantella, come recita il titolo del nuovo disco dei Kalàscima, un’opera le cui passioni, la cui voglia instancabile di esplorare, sono ben sintetizzate dall’immagine di copertina: un tamburo digitale collegato direttamente a un amplificatore che esalta, manipola, distorce la tradizione. Un “tradimento”, quello realizzato dai Kalàscima, che porta la musica popolare salentina lontano dai pantani di revival e ballate nell’aia, lontano da una asettica cartolina turistica, lontano dagli stereotipi di un territorio del suo passato. Qui tutto viene sovrapposto, incrociato, frammentato e ricostruito. La tradizione, certo, e non poteva essere altrimenti provenendo dal Salento, ma rigenerata attraverso la tecnologia, rendendola frammento di un “discorso pop” che non ne altera, anzi esalta il suo essere. Una sorta di neofolk urbano nel quale i ricordi di una civiltà contadina ormai travolta dalle estetiche contemporanee dialoga con i suoni e i rumori che ci avvolgono nella quotidianità. Psychedelic Trance Tarantella, il loro nuovo disco che presentano al FolkClub, sperimenta un linguaggio universale dove la tradizione è filo sottile, labile, che unisce una molteplicità di significati. Una raccolta di canzoni che fa da commento sonoro al nostro bisogno di psichedelica, la realtà, certo, ma guardata con la lente distorta della trance psichedelica.
I Kalàscima sono considerati uno dei gruppi più interessanti della scena musicale salentina. Si sono formati ad Alessano (Le) all’alba del 2000, grazie alla volontà del polistrumentista Andrea Morciano e del percussionista Riccardo Laganà. Il loro esordio discografico, Quannu U Diavulu Te ‘nkarizza... L’Anima Ne Vole data 2003; una intensa attività live, locale e internazionale, li ha portati a realizzare nel 2010 il loro secondo album, Santa Maria del Foggiaro. Il disco, accanto alla base di musica tradizionale salentina, spazia nei territori della musica popolare del mondo vicino (tarantella garganica, calabrese e siciliana) e lontano (Irlanda, klezmer, balcani), e vede la collaborazione in un brano di Mario Incudine.
Dall’Australia all’America Latina, dal Nord Europa al Medio Oriente, il suono dei Kalàscima viaggia per il mondo incontrando sulla strada artisti della scena world internazionale con i quali nascono importanti collaborazioni. Come il cantante mongolo Bukhu conosciuto a un festival in Australia, e invitato a portare le sue straordinarie, virtuosistiche doti vocali in un recente live. Altre volte, le collaborazioni nascono più vicine. È il caso del rapporto che lega i Kalàscima a Ludovico Einaudi. Il compositore e pianista ha voluto, infatti, nel suo ensemble il fondatore del gruppo, Riccardo Laganà, e ha partecipato a Psychedelic Trance Tarantella suonando il pianoforte nel brano Due mari.
Al FolkClub i Kalàscima, ovvero: Riccardo Laganà (tamburi, voce), Massimiliano De Marco (plettri, voce), Luca Buccarella (organetto, voce), Federico Laganà (percussioni, voce), Riccardo Basile (basso, synth, voce) e Aldo Iezza (fiati).

Lo stage. Torna a furor di popolo Veronica Calati, dopo gli stage da lei tenuti a Maison Musique nell'ottobre 2012, a febbraio 2013 e a novembre 2013 e 2014. La pizzica pizzica è una danza che nasce dal popolo, una danza di festa, di divertimento, una danza spontanea, libera di essere danzata da tutti, bambini, giovani e meno giovani. Bisogna capirne innanzitutto il ritmo e poi lasciarsi andare a esso, divertendosi, ognuno col suo stile e la sua personale interpretazione. È infatti una danza comunicativa, non standardizzabile, ognuno danzando è chiamato a metterci la sua personalità, in base al proprio essere e al proprio stato d’animo; non è pertanto una danza da imparare “da capo a piedi”, da memorizzare e ripetere. Veronica, nei suoi stage, cerca di trasmettere il suo modo di interpretare la pizzica pizzica che i ballerini, a loro volta, interpreteranno nuovamente, con la loro attitudine, rendendo così unica questa danza, che è nata libera e tale deve rimanere, senza perdere mai di vista le regole che ne delineano l’essenza: il rispetto nei confronti del ritmo e della persona con la quale si sta danzando. Lo stage mira ad avere maggiore consapevolezza del proprio corpo, padronanza nei movimenti, attenzione alla postura, gestualità e logiche di improvvisazione, partendo da movimenti prima semplici, e poi via via più articolarti, in un crescendo di ritmo, tecnica e danza. Lo stage prevede un'introduzione teorica sulla tradizione popolare salentina. Riscaldamento iniziale del corpo che avvicini la persona a questo ritmo incalzante e preparazione del gruppo dei danzatori. Esercizio sul senso del ritmo accompagnati dal solo suono del tamburello. Studio dei passi base, costituiti da saltelli con variazioni ritmiche in base al crescendo musicale. Studio dei passi con varianti melodiche e di velocità alterne. Differenze tra stili del nord e sud Salento con rispettivi passi e movimenti caratteristici. Studio del corpo in movimento nello spazio e interazione tra i partecipanti. Movimenti avanzati. Padronanza del proprio corpo. Gestualità e danza con il fazzoletto per le donne, attenzione alla postura per gli uomini. Logiche d'improvvisazione e danza di coppia. Ballo in coppia.
Veronica Calati, danzatrice di formazione classica, viene conquistata dalla pizzica a tal punto da farla diventare la sua principale forma di espressione artistica. Si occupa di corsi annuali, stage, laboratori brevi, spettacoli e concerti. Ha collaborato con numerosi artisti e gruppi musicali (tra i quali Pino Zimba, Zimbaria, Salentorkestra, Antonio Castrignanò, Skaddìa) esibendosi in festival in Italia e all'estero, oltre ad aver danzato al più grande festival nazionale La notte della Taranta di Melpignano, edizione 2011. Veronica vanta una invidiabile esperienza nell'ambito popolare salentino e un personale approccio di ricerca e sperimentazione coreutica.

Dalle 15.00 alle 18.00 lo stage (costo 20 euro) affidato a Veronica Calati, che sale al FolkClub appositamente dal Salento, poi dalle 21.30 c'è subito la possibilità di mettere in pratica gli insegnamenti di Veronica con la musica live dei Kalàscima (ingresso solo ballo 12 euro, pacchetto completo stage+concerto 30 euro). Sia lo stage, che il concerto sono riservati ai soci FolkClub. Per informazioni e prenotazioni 011537636.

Dati Aggiornati al: 30-04-2015 03:42:23

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 23-05-2015 alle 21:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: FolkClub

Indirizzo: Via Ettore Perrone 3 bis Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento