Nulla fa sospettare tanto un uomo quanto il saper poco. Francis Bacon

> Home > Eventi a Torino del 16-02-2013 > Musica e Spettacoli > WE USED TO BE LOVERS

WE USED TO BE LOVERS

WE USED TO BE LOVERS

 

 

We Used To Be Lovers è una composizione per un folto e mutante gruppo di danzatori e attori, un sistema generatore di suono distribuito nello spazio e un contrabbasso. È un lavoro compreso tra una radicale indagine coreografica sul gesto e il movimento, lo studio del corpo immerso nel paesaggio (urbano e non urbano), la ricerca drammaturgica non necessariamente narrativa e la spazializzazione del suono.
L'ambizioso e affascinante progetto di Volvon parte da un training fisico costruito secondo i dettami dell'anatomia esperienziale, a cui si aggiunge un'articolata ricerca sonora che spazia dal field recording (campionatura di suoni " rubati" all'ambiente e alla quotidianità) al cantautorato italiano (Tenco, Ciampi, Modugno), fino alla manipolazione di tracce e melodie realizzata in tempo reale. Il tutto sostenuto da un attento studio della luce che, ispirandosi al Roland Barthes de " La camera chiara" , mira a " rivelare l'immagine" attraverso l'azione delle fonti luminose, trasformate in vere e proprie coprotagoniste sulla scena.
Un " rivelarsi" che non è soltanto pratico e performativo, ma anche simbolico ed emotivo, come il mostrarsi graduale allo sguardo dell'altro. Centrale è, infatti, il concetto di relazione, evocato sin dal titolo e declinato - seguendo le suggestione letterarie di Perec (" Un uomo che dorme" ) e Berger (" Da A a X" ) - in tutte le sue forme: fisiche, spaziali, psicologiche e simboliche.
Danzatori, attori, light designer e musicisti, dunque, si muovono e interagiscono (fra loro e con il pubblico) delineando sulla scena quella dialettica di pieni e vuoti che è, in definitiva, la modalità con cui ognuno di noi si rapporta a se stesso, agli altri, allo spazio, al mondo.

Progetto e drammaturgia: VOLVON-Francesca Cola
Coreografia e studio del movimento: Francesca Cola;Giulia Ceolin
Ricerca Semiotica e drammaturgia della danza: Silvia Albanese
Studio della Fotografia: Enrico De Santis
Performer: Francesca Cola, Giulia Ceolin, Giorgio Bevilacqua
Alessandro Salvatore, Sara Capossele, Michela Cotterchio, Annalisa Spurio Fascì, Luca Rigoni, Tommaso Serratore, Davide Tagliavini, Bianca Barucchieri, Michela Fattorin, Salvo Montalto,Maruska Ronchi,Vanessa Michielon
e con la partecipazione di :
Barbara Guidotti, Sabrina Zanchetta, Irene Marani, Valentina Sorbara, Valentina Gonella, Cristina Russo, Antonella Giancipoli, Federica Brambini, Eleonora Aschero, Michaela MOnica Pirrone, Monica Bozzolan.
Sound designer: Claudio Tortorici
Composizione e installazione sonora: Davide Tomat, Gabriele Ottino
Luci: Marco Massa
Produzione: VOLVON, Superbudda Studio, Progetto Bifronte con il sostegno di Officine Caos.

Dati Aggiornati al: Thu 14-02-2013 17:14:09

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 16-02-2013 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Officine Caos

Indirizzo: Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento