Esiste un solo bene, la conoscenza, e un solo male, l'ignoranza. Socrate

> Home > Eventi a Torino del 21-09-2015 > Mostre e Cultura > " Nan Goldin"

" Nan Goldin"

" Nan Goldin"

 

 

Lunedì 21 settembre 2015, dalle 18.30, presso Guido Costa Projects in via Mazzini 24, a Torino, si inaugura la seconda parte della personale dell'artista statunitense Nan Goldin.

La mostra si propone come un dialogo e un compimento del progetto espositivo inaugurato in galleria il 2 luglio di quest'anno, e dedicato ai suoi primi scatti fotografici in bianco e nero, realizzati a Boston tra il 1970 e il 1974.
Questa nuova mostra si concentra, invece, sui suoi lavori più recenti, concepiti e realizzati tra il 2014 ed oggi, e sorprendentemente realizzati con una tecnica per lei assolutamente inedita: il disegno.
Siamo perciò estremamente orgogliosi di poter proporre al pubblico, per la prima volta in assoluto, una parte del suo lavoro d'artista mai giunta finora ad una dimensione condivisa. Il disegno, per Nan Goldin, sebbene esercitato con costanza e rigore ormai da alcuni anni, è stato da lei sempre considerato materiale privatissimo, che raramente ha superato la cerchia degli amici più intimi e la soglia del suo studio .
La mostra raccoglie 25 disegni, realizzati con tecniche diverse su carte di grammatura e formato via via differenti. Una pratica che Nan Goldin esercita con grande libertà, ma estremo rigore cromatico e compositivo, considerando il disegno una sorta di farmaco per l'anima, in segreto e costante dialogo con la sua fotografia di cui, per molti versi, è compimento e sublimazione.
I suoi, sono disegni talvolta tracciati con mano veloce, quasi fossero delle note diaristiche in forma di tratto di penna, pennello o pennarello; altre volte sono estremamente meditati, zeppi di pentimenti e veicolati con tecniche per lei assolutamente inedite, giammai governate dall'esperienza o dall'accademia. In ognuno di essi, però, parla una precisa sensibilità, un'identità forte, una mano.
I temi e i soggetti utilizzati sono vari, dall'annotazione dal sapore diaristico, all'autoritratto, fino alla dimensione onirica, governata da una sorta di scrittura automatica, capace di dare volto a fantasmi e ossessioni.
Per questi motivi la selezione di questo piccolo corpus di disegni è stata particolarmente laboriosa, avendo come obbiettivo primario quello di isolare da una produzione, come si è detto, piuttosto rilevante (è suo costume l'esercizio quotidiano del disegno), quelle opere capaci di condensare in esse modalità espressive ricorrenti, via via fatte proprie, talvolta all'origine di piccoli cicli di lavori, nati da un incontro, da una visita ad un luogo, da un particolare stato d'animo.
Da qualche anno a questa parte, per Nan Goldin disegnare è diventato un esercizio riflessivo assai importante che scandisce i suoi giorni (meglio: le sue notti), un esercizio declinato con estremo pudore ed una certa, comprensibile ritrosia di fronte al giudizio degli altri, al punto che non è stato facile, tantomeno automatico, pensare ad una presentazione pubblica di questo materiale. E' perciò con grande gioia, ma anche con tanta attenzione e delicatezza che ci siamo inoltrati assieme in questo suo universo inesplorato e fragile, seppur vibrante di energia e precisa determinazione.
Il suo disegno dimostra perciò di non essere una semplice divagazione colta e solipsistica, ma è qualcosa di connaturato alla sua urgenza di raccontare e condividere.

La mostra dei disegni di Nan Goldin rimarrà aperta al pubblico tutti i pomeriggi, ad esclusione dei giorni festivi, dalle 15.00 alle 19.00, fino al 25 ottobre 2015.


***************************************

On Monday 21 September, 2015, the second part of the solo show of work by the American artist Nan Goldin opens at the Guido Costa Gallery in via Mazzini 24, Torino.

The current exhibition dialogues with and concludes the previous show of work by the same artist that opened in the gallery on July 2 this year, dedicated to her early black and white photographs taken in Boston between 1970 and 1974.
Its follow-up concentrates on more recent work produced from 2014 to the present, produced using a technique for which she is not known at all - drawing.
Although Nan Goldin has been drawing consistently for some years, she has always considered the results very private, and they have rarely been seen outside the circle of her closest friends or outside her studio. We are therefore extremely proud to be able to offer to the public a part of the artist’s oeuvre never shown together before.
The exhibition brings together 25 drawings produced using different techniques on different weights and sizes of paper, each different from the other. Nan Goldin’s drawings are the result of a blend of extreme freedom and bold compositional and chromatic design; the act of drawing serving as a kind of drug for the soul secretly and constantly conversing with her photography, which in many respects it exalts and brings to a conclusion.
The more quickly executed drawings could almost be diary entries sketched with a pen, brush or felt pen; others are more carefully meditated, charged with repentance and conveyed using techniques rather new to her. While unhampered by experience or the academy, each one does however seem to thrive on its own clear sensibility, strong identity and her hand.
Governed by a sort of automatic writing, the themes and subjects of the drawings vary from diary-like commentary to self-portraiture, as well as spreading into a dreamlike dimension capable of conjuring up ghosts and obsessions.
Choosing the work to be included in this small body of drawings was particularly hard, as the aim was that of creating a selection of work from, as we have said, a rather large volume (it is her custom to draw every day) that could condense recurring expressive means she has gradually made her own; spotlight a piece that gave rise to small cycles of work, or was sparked by a meeting, by a trip, or by a particular state of mind.
For some years now, drawing has become an extremely important contemplative exercise for Nan Goldin that occupies her days (or better, nights); she perseveres with marked discretion and a certain understandable reluctance, with regard to judgement by others, to the point that the decision to present this work to the public neither an easy or automatic one. It is therefore with great pleasure but also great care and respect that we have embarked together on this exploration into a fragile and unexplored universe, albeit vibrant with energy and focused determination.
Her drawings should in no way be considered a solipsistic and educated parenthesis: they is part of her natural urge to tell and share.

The exhibition of drawings by Nan Goldin will remain open to the public from 3 – 7.30 p.m. every afternoon, except Sundays and National holidays, until 25 October 2015.

Dati Aggiornati al: 17-09-2015 09:01:13

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 18:30 dal 21-09-2015 al 24-10-2015
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Lun - Mar - Mer - Gio - Ven - Sab -

Dove: Guido Costa Projects

Indirizzo: Via Mazzini 24 Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento