Vivere bene è meglio che vivere. Aristotele

> Home > Eventi a Torino del 10-01-2016 > Musica e Spettacoli > QUEL FANTASTICO PEGGIOR ANNO DELLA MIA VITA

QUEL FANTASTICO PEGGIOR ANNO DELLA MIA VITA

QUEL FANTASTICO PEGGIOR ANNO DELLA MIA VITA

 

 

un film di Alfonso Gomez-Rejon

La tragedia di una malattia terminale in età giovanile, virata in chiave di commedia colta e cinefila
I film sugli adolescenti generalmente sono cataloghi di luoghi comuni: personaggi stereotipati, l'amicizia che gradualmente si trasforma in amore, il lieto fine e così via. Peggio ancora quelli che hanno per tema la malattia di una persona giovane. E' una gran bella sorpresa su entrambi in fronti, allora, Quel fantastico peggior anno della mia vita, comedy-drama tratto dall'omonimo romanzo di Jesse Andrews (edito da Einaudi) e vincitore del Gran Premio della giuria e di quello del pubblico al Sundance Film Festival. La storia è narrata dal punto di vista di Greg Gaines, liceale di Pittsburgh, una specie di giovane Holden in versione riveduta e aggiornata che vive secondo una precisa regola: non legarsi con nessuno, evitare i rapporti profondi e sopravvivere agli anni del liceo col minor danno possibile. Al punto che preferisce considerare Earl, il coetaneo con cui gira brevi parodie dei suoi film prediletti, piuttosto un " collega" che un amico. Insomma, il ragazzo è ben deciso a comportarsi come gli altri si aspettano che faccia, piuttosto che secondo ciò che prova davvero. Greg non riesce però a sottrarsi alle pressioni di mamma, la quale vuole che frequenti la vicina di casa Rachel, una sua coetanea cui è stata diagnosticata la leucemia mieloide acuta. E' l'inizio di un rapporto, prima accettato controvoglia da entrambe le parti poi ruvidamente affettuoso, da cui germoglierà un'amicizia che cambierà la vita del ragazzo.
Variante originale della topica narrazione di " passaggio all'età adulta" , il film racconta una vicenda a percorsi opposti e complementari (Rachel è vittima precoce del male, Greg si apre alla vita) riuscendo a sostituire - cosa difficilissima - il tono leggero e divertente della prima parte con l'intonazione drammatica della seconda senza quasi che lo spettatore se ne accorga; anzi, portandolo delicatamente per mano e guidandolo verso un finale commovente, ma non strizzacuore. Altra caratteristica fuori delle convenzioni, non si tratta di una storia d'amore, ma di casta amicizia. A tutto ciò si aggiungono particolari originali: come i film parodistici di Greg e Earl, da Un uomo da marciapiede e Arancia meccanica a Morte a Venezia, o le ironiche animazioni stop-motion in plastilina che punteggiano le immagini live.
Già assistente personale di Scorsese, al suo secondo film Alfonso Gomez-Rejon ha cercato di fissare sulla pellicola l'equilibrio tra le gioie e i dolori che si alternano nelle nostre vite; è c'è riuscito. Lo hanno aiutato l'ottimo direttore della fotografia Chung-hoon Chung (Old Boy, Lady Vendetta), Brian Eno, che ha concesso la sua musica e ne ha composta di nuova per il film, e - soprattutto - l'alchimia creatasi tra i giovanissimi interpreti Olivia Cooke, Thomas Mann e RJ Cyler, che interpreta Earl. E' proprio su un tale tipo di " chimica" che le produzioni cinematografiche di questo genere si giocano il tutto per tutto: senza di essa il film risulterebbe molto meno credibile; non ci farebbe ridere altrettanto né (al momento giusto) tirar fuori i fazzoletti.

Intero 5€ - Ridotto 4€ - Aiace 3,50€

Trailer e maggiori informazioni:
http://www.cineteatrobaretti.it/cinema/index.htm

Dati Aggiornati al: 05-01-2016 18:55:28

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Domenica 10-01-2016 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: CineTeatro Baretti

Indirizzo: Via Giuseppe Baretti, 4 Torino

Prezzo: 5.00 €

Link: Sito Web dell'evento