C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Torino del 09-02-2016 > Musica e Spettacoli > Il duo Scaglione-Piano

Il duo Scaglione-Piano

Il duo Scaglione-Piano

 

 

IL DUO SCAGLIONE - PIANO
martedì 9 febbraio 2016 - ore 21.00, Accademia di Musica

Giovanni Scaglione, violoncello - Roberto Plano, pianoforte

ROBERT SCHUMANN - Adagio e Allegro op. 70
FRANCESCO CILEA - Sonata in re maggiore op. 38
LUDWIG VAN BEETHOVEN - Sonata n. 3 in la maggiore op. 69
MANUEL DE FALLA - Sette canzoni popolari spagnole

Giovanni Scaglione, storico violoncellista del celebre Quartetto di Cremona, che si scopre anche camerista tout court e chiama nella sua avventura un altro superbo strumentista, il pianista pluripremiato Roberto Plano. Il programma del duo Scaglione-Plano mette in rilievo due volti dell’Ottocento musicale di tradizione tedesca, propone la Suite popolare spagnola di Manuel de Falla e regala una rara occasione di ascolto della Sonata di Francesco Cilea, compositore calabrese che riuscì a fondere l'esperienza del verismo musicale italiano con la tradizione operistica francese, esprimendosi al meglio nei momenti di struggente e dolce malinconia, immersi in un'atmosfera di meditazione e rimpianto.

Giovanni Scaglione, violoncello. Dopo il diploma al Conservatorio “N. Paganini” di Genova ottenuto, con il massimo dei voti, sotto la guida di Nevio Zanardi, Giovanni Scaglione segue i corsi di perfezionamento di Michael Flaksman e Antonio Meneses, ricevendo da entrambi attestati di merito. Nel 1997 entra nella Konzert Klasse di Ivan Monighetti presso la Musikhochschuledi Basilea dove ha la possibilità di suonare con musicisti quali Sergio Azzolini (Sinfonia concertante di Haydn) e Gidon Kremer. Il Concerto per violoncello e orchestra di Schumann, eseguito con la Basel SymphonyOrchestra, gli vale come prova conclusiva per il conseguimento del prestigioso Solisten-Diplom. Nel 2001 vince l’audizione nazionale indetta dal C.I.D.I.M. per un posto nel Sestetto Boccherini con il quale si esibisce per le principali società di concerto italiane. Contemporaneamente segue i corsi a Brescia con Mario Brunello e all’Accademia Stauffer di Cremona con Rocco Filippini, che, insieme a Salvatore Accardo, lo invita a collaborare nell’ambito dei concerti di musica da camera tenuti al Teatro Olimpico di Vicenza. Nel 2002 entra a far parte del Quartetto di Cremona, formazione che si è imposta negli anni come una delle migliori realtà del panorama musicale e con la quale svolge tuttora un'intensissima attività concertistica che lo ha portato in sale di grande importanza in tutto il mondo: dalla Wigmore Hall di Londra al Konzerthaus di Berlino e al Teatro Coliseo di Buenos Aires. All’attività quartettistica affianca quella da solista, e ha debuttato nel maggio2011, indiretta radiofonica dal Quirinale, con un programma per violoncello solo, al quale sono seguiti altri concerti per società musicali italiane come il Lyceum Club di Firenze ela Societàdel Quartetto di Milano. Nel corso della stagione 2013-14 si è esibito per gli Amici della Musica di Firenze, l'Accademia Filarmonica Romana,la Filarmonica Laudamodi Messina, il Festival Alfredo Piatti di Bergamo,la Societàdel Quartetto di Milano, il Mantova Chamber Music Festival. Nel luglio ’14, nell’ambito del Trasimeno Music Festival ha debuttato in duo con la pianista Angela Hewitt. È docente di Quartetto e Musica da Camera presso l’Accademia Stauffer di Cremona. Suona un violoncello costruito dal liutaio Marino Capicchioni nel 1974.

Roberto Plano, pianoforte. ha studiato a Parigi all'Ecole Normale Cortot; ancora agli esordi, poco più che ventenne, ha ottenuto il primo premio al Cleveland International Piano Competition (2001), affermazione che ha lanciato la sua carriera internazionale. Negli anni successivi sono arrivati numerosi altri importanti riconoscimenti (Van Cliburn, Honens e Leeds, per citarne solo alcuni), e da allora tiene regolarmente recital e performance nelle più importanti sale da concerto del mondo. Il Maestro Plano è celebrato per la sua sensibilità poetica, virtuosismo e profondità di interpretazione. Il suo repertorio si è costantemente ampliato, sino a comprendere una vasta gamma di autori (Bach, Beethoven, Poulenc, Ravel) e pezzi solistici che abbracciano i secoli da Scarlatti a compositori di oggi. Ha, inoltre, compiuto approfonditi studi – giungendo a scoperte di rilievo – sulle opere di Andrea Luchesi, il Kapellmeister, compositore, organista e insegnante, che a Bonn nel 1774 aveva allievi come come Reicha e il giovane Beethoven; il pianista italiano ha anche eseguito la prima registrazione assoluta della musica di Luchesi per Concerto Classics e Amadeus. Scrivono di lui: " ... come nessun altro pianista ora in attività, egli combina una gamma quasi soprannaturale di suoni e colori, con musicalità fenomenale, tecnica e carisma. Può tenere il pubblico incantato in silenzio, e poi costringerle a schizzare fuori dalla sedie" .

Dati Aggiornati al: 28-01-2016 16:08:45

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Martedì 09-02-2016 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Accademia di musica di Pinerolo

Indirizzo: via Giolitti, 7 Pinerolo

Prezzo: Gratis