WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...ognuno può fare molto per gli altri...

> Home > Eventi a Torino del 07-03-2016 > Musica e Spettacoli > Amazzoni furiose

Amazzoni furiose

Amazzoni furiose

 

 

La regista e sceneggiatrice canadese Léa Pool parte dalle marce per la raccolta di fondi organizzate dalle principali aziende cosmetiche americane che utilizzano il nastro rosa, per interrogare le forme e gli obiettivi del marketing solidale e dell’industria che si è creata intorno alla malattia ponendo domande ad oggi ancora senza risposte: che fine fanno i soldi raccolti? Perché si lotta per la cura e non per la prevenzione non diagnostica (politiche ambientali e alimentari)? Inoltre, intervistando attiviste, professioniste della medicina ed esperte del marketing del nastro rosa, il film invita ad una riflessione sulla lotta alla malattia come atto di ripensamento dei modi in cui viviamo.
e incontro con: Grazia De Michele, amazzonefuriosa.blogspot.it ed Emma Schiavon, storica

***
Il nastro rosa è ormai da anni il simbolo della lotta contro il cancro al seno, il vessillo di cui si fregiano spesso aziende di ogni tipo associando i propri prodotti al sostegno di una buona causa che viene così strumentalizzata e svuotata di ogni significato sociale e politico. Da questo fenomeno è nato il concetto di " pinkwashing" oggi utilizzato per riferirsi ad ogni forma di uso strumentale delle cause femministe o queer a fini di marketing o di occultamento di altre forme di discriminazione o violenza. Comprare i prodotti con il nastro rosa ci fa sentire parte di una lotta buona e giusta. La realtà è però che il tasso di mortalità nel medio termine non è cambiato significativamente negli ultimi sessant’anni e che le soluzioni terapeutiche non sono mutate molto rispetto a quarant’anni fa.
La regista e sceneggiatrice canadese Léa Pool parte dalle marce per la raccolta di fondi organizzate dalle principali aziende cosmetiche americane che utilizzano il nastro rosa, per interrogare le forme e gli obiettivi marketing solidale e dell’industria che si è creata intorno alla malattia ponendo domande ad oggi ancora senza risposte: che fine fanno i soldi raccolti? Perché si lotta per la cura e non per la prevenzione non diagnostica (politiche ambientali e alimentari)? Inoltre, intervistando attiviste, professioniste della medicina ed esperte del marketing del nastro rosa, il film invita ad una riflessione sulla lotta alla malattia come atto di ripensamento dei modi in cui viviamo.

Dati Aggiornati al: 22-02-2016 11:04:16

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Lunedì 07-03-2016 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Unione Culturale Franco Antonicelli

Indirizzo: Via Cesare Battisti 4b Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento