Il tempo è come un fiocco di neve, scompare mentre cerchiamo di decidere cosa farne. Romano Battaglia

> Home > Eventi a Torino del 19-11-2013 > Mostre e Cultura > GRAMMATICA DELL'INDIGNAZIONE con Livio...

GRAMMATICA DELL'INDIGNAZIONE con Livio Pepino e Luca Giunti

GRAMMATICA DELL'INDIGNAZIONE con Livio Pepino e Luca Giunti

 

 

Martedì 19 novembre, alle 20:45, Livio Pepino e Luca Giunti presentano GRAMMATICA DELL'INDIGNAZIONE (edizioni Gruppo Abele).

" Nella cassetta degli attrezzi utili per guidare il cambiamento i curatori del libro hanno messo un po' di tutto, affrontando le principali questioni che sono sul tappeto con 23 contributi di giuristi ed esperti nelle varie discipline, ovvero protagonisti dei processi di cambiamento sociale.
Questi contributi spaziano dal tema dell'ambiente e delle grandi opere (Luca Mercalli), a quello della TAV (Luca Giunti), al tema dei beni comuni (Ugo Mattei); dal tema del conflitto d'interessi (Alfonso di Giovine e Fabio Longo), a quello dell'informazione (Oliviero Beha), al tema delle corruzione (Donatella della Porta), al tema della mafia e antimafia (Nando Dalla Chiesa); dal tema del lavoro sociale (Andrea Morniroli e Giacomo Smarrazzo), al tema della povertà (Giuseppe De Marzo), a quello del razzismo (Grazia Naletto); dal tema della crisi e dello sviluppo (Guido Viale), al tema dell'eurofinanza (Luciano Gallino), a quello della disuguaglianza (Mario Pianta) e delle menzogne dell'Europa (Barbara Spinelli); dal tema dei costi per il mancato riconoscimento dei diritti (Stefano Rodotà), al tema dell'ascesa delle spese militari (Leopoldo Nascia), a quello del declino della scuola (Alba Sasso); dal tema della cultura disastrata (Salvatore Settis), a quello della giustizia (Livio Pepino), al tema della riforma costituzionale (Gaetano Azzariti), fino alle riflessioni sulla politica in senso stretto di Marco Revelli, che si chiede: a che punto è la notte?"
da http://www.articolo21.org/2013/10/grammatica-dellindignazione-a-cura-di-livio-pepino-e-marco-revelli/

C'è, nel Paese, un'anomalia da interpretare e sciogliere. L'indignazione è maggioranza, schiacciante maggioranza. Basta vedere l'andamento del voto nelle ultime tornate elettorali o sfogliare i sondaggi di tutti gli istituti di ricerca. Ancor più, è sufficiente passeggiare in un mercato e viaggiare su tram o treni (quelli dei pendolari: frequentati dal 90 per cento degli italiani e ignorati da chi governa promettendo devastanti e improbabili linee ad alta velocità...). Eppure quell'indignazione, almeno ad oggi, non conta nulla a livello istituzionale. Oppure veicola movimenti populisti e pieni di contraddizioni: di contenuti soprattutto, ché le incongruenze tattiche sono, a ben guardare, poca cosa. Così cresce il rischio che l'indignazione si chiuda in se stessa e produca sfiducia e rassegnazione anziché resistenza e progettualità. Sciogliere l'anomalia, superarla, è la sfida (ineludibile) dei prossimi mesi: mesi, non anni, ché la misura è colma. Per farlo serve mettere ordine nelle ragioni dell'indignazione e predisporre, settore per settore, una cassetta degli attrezzi utile a guidare il cambiamento (o il rilancio di ciò che va mantenuto e che molti vorrebbero cancellare, dalla Costituzione al welfare). Serve una grammatica, sospesa tra analisi e proposta.

Dati Aggiornati al: 06-11-2013 14:10:37

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Martedì 19-11-2013 alle 20:45
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Libreria Trebisonda

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento