La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca (Martin Heidegger)

> Home > Eventi a Torino del 11-01-2014 > Musica e Spettacoli > LA CRUDELTA' DELLE VIOLE - Controteatro...

LA CRUDELTA' DELLE VIOLE - Controteatro NeoSurrealista

LA CRUDELTA' DELLE VIOLE - Controteatro NeoSurrealista

 

 

Avete l'occasione di assistere ad uno spettacolo - sconcerto del tutto reazionario e al contempo rivoluzionario: un coinvolgente ed emozionante vortice visionario si scatenerà con una caotica eruzione di immagini sfuggenti. Una sorprendente tempesta di musica, flussi vocali e frizzanti movimenti scenici si scatenerà sulle vostre teste, esteticamente abbandonate al calamitante divenire dell'azione. Tutti i testi, eccetto alcune citazioni, sono frutto di una suggestiva e creativa scrittura scenica.

Presso Arci Polivalente, Corso Palestro 3,

INGRESSO GRATUITO

Regia: Luca Bellomo

Sceneggiatura: Fabio Gusella, Luca Bellomo

Interpreti : Denisa Kola, Isabel Farina, Riccardo D'Uggento, Luca Bellomo, Fabio Gusella

Più che essere l'ennesimo spettacolo teatrale già logoro di repliche sui collosi cartelloni cittadini , questo lavoro consiste soprattutto in una nuova proposta culturale, avente come obiettivo quello di " conficcarsi nel cranio del mondo!" , per dirla alla Majakovskij. Annunciamo con vigoroso entusiasmo il nostro Manifesto.

--------------------------------------------------------------------------------

MANIFESTO DEL CONTROTEATRO NEOSURREALISTA:

SIAMO NATI PER FINIRLA !

1- Intendiamo, innanzitutto, porre fine al sonnambulismo stagnante dell'arte odierna: quest'arte così disgraziatamente incapace dovrebbe davvero farsi da parte!

2- Vogliamo creare un controteatro che spezzi finalmente la lunghissima catena di inetti che popola i teatri italiani: essi sono dei figuranti che hanno abbandonato cultura e natura in cambio di una squallida messa in scena sommessamente devota al raziocinio quotidiano. E' la vita a tendere all'arte, e non l'arte alla vita.
La MUSICA dovrebbe tornare ad essere la fulgente primadonna, la sublime musa ispiratrice d'ogni artista che si rispetti. Dove cercare un altrove, quella superba e delirante tensione verso l'infinito?

3- Diciamo basta anche con il teatro d'avanguardia: narcisistica latrina per intellettuali depressi.

" In una nave che affonda gli intellettuali sono i primi a fuggire subito dopo i topi e molto prima delle puttane"
-Vladimir Majakovskij-

4 - E' indispensabile abbandonare SCUOLE E ACCADEMIE: luoghi polverosi e claustrali dove signorini incravattati, camerieri della pseudocultura altamente tediosi e inutilmente boriosi, da pessimi cantori, intonano fastidiosissime nenie frastornando sedicenti studenti prosternati ai loro miserabili servizi, costretti, infine, ad ingiallire assieme alle pagine dei loro libri.

5 - Noi rifiutiamo con vigore l'indegna prostituzione dell'arte agli avvilenti temi civili e sociali, già ampiamente trattati durante tutta la sordida giornata del cittadino medio. A teatro lo spettatore deve sognare, smarrirsi ciecamente in quel buio mistico tutt'altro che sensato e comune: lasciare quindi la similitudine per abbandonarsi al fascino indiscreto della metafora, cedendo in tal modo la volontà alla forza visionaria dell'opera d'arte. Come ricordava giustamente Bellini, la gente a teatro vuole piangere, e non comprendere storielle librettistiche. Il raziocinio non è ammesso sul proscenio: tutto tende all'irrazionale, alla sensazione, allo " spirito della musica" , scartando con sdegno ogni lusinga intellettuale ed ogni cortigianeria politica. Come Salvador Dalì, ci dichiariamo con orgoglio astorici e apolitici: l'unica meta rispettabile è l'eternità.

Dati Aggiornati al: 07-01-2014 10:12:44

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 11-01-2014 alle 21:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: CAP | Centro ARCI Polivalente

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento