Nulla fa sospettare tanto un uomo quanto il saper poco. Francis Bacon

> Home > Eventi a Torino del 01-02-2014 > Vita Notturna > FATHER MURPHY + MY DEAR KILLER + AUTO @ Velvet...

FATHER MURPHY + MY DEAR KILLER + AUTO @ Velvet Club - Torino

FATHER MURPHY + MY DEAR KILLER + AUTO @ Velvet Club - Torino

 

 

La délirante presenta

FATHER MURPHY
MY DEAR KILLER
AUTO

aftershow VILL RESIDENZ
____________________________________________________

FATHER MURPHY
(Aagoo Records, Boring Machines)
fathermurphy.blogspot.com/

Father Murphy è una band che, con due album e una pletora di uscite a tiratura limitata (cassette, 7'', 10''...), è diventata una delle più enigmatiche e misteriose proposte musicali nate in questi ultimi anni in Italia. La loro musica ha via via perso i riferimenti iniziali, per definirsi sempre più in una proposta unica e personale che, pur partendo dal rock di matrice anglosassone, riesce a ricavare uno spazio proprio e radicarsi, per sonorità e immaginario visivo, nel filone tutto italiano di musica sacra e profana medievale, passando per Monteverdi e Pergolesi, fino ad arrivare a band misconosciute anni '60 ma di culto, Jacula, le colonne sonore dei primi film di Dario Argento, e le direzioni di Ennio Morricone.

Father Murphy sin dall'inizio si presenta anche come protagonista di una Leggenda personale, un'epopea dalle fosche tinte, che inizia così: " In una calda calda estate, un tale reverendo Murphy che viveva a Brooklyn, New York, ebbe due figli: Freddie, che decise di rimanere a Brooklyn, e la piccola Chiara Lee, che invece si trasferì in Cina. Caduti entrambi in un lungo sonno, si ritrovarono anni e anni dopo in quel di Venezia, dove il vicario Vittorio Demarin li battezzò."

La band è stata caratterizzata, nei primi anni di vita, da repentini cambi di stile, associabili più al seguire una sorta di piano predeterminato, quasi una predestinazione, che al mero esercizio stilistico. E quindi, ecco la psichedelia acustica e irridente figlia del Barrett solista, quanto la follia ludica dei primi Os Mutantes, mixati dall'ironia del buon John Lydon. Questo capitolo della loro Leggenda la band si riferisce a dischi come " Six Musicians gettin unknown" e " I saw seven horns rising up from the Sea when a rooster sang for the third time" .
Dopo un'intensa attività live, in Italia quanto in Europa, i vari passaggi radiofonici, le prime recensioni e interviste, fino ad essere chiamati a suonare dal vivo in diretta per il canale RAI Futura all'interno della trasmissione Larsen, il cammino del gruppo si compie quindi non tanto nell'ortodossia musicale, ma in una pura e ritrovata furia eretica, dove eresia è però usata nel suo significato primario, ovvero scelta, capacità di scelta.

Eccoci quindi arrivare quel " ...and He Told us to turn to the Sun" , concept album appunto sull'Eresia (uscito in Europa il primo dicembre 2008, e negli Usa/UK/Giappone via nell'agosto successivo), presentato dal vivo in Italia, Germania, Olanda, Belgio, Slovenia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Austria, Francia, Svizzera, Inghilterra, Scozia, Stati Uniti, che è valso alla band anche le attenzioni di Julian Cope, Michael Gira, John Dieterich dei Deerhoof (che li han voluti al Sonic City Festival in Belgio, festival da loro curato), Carla Bozulich/Evangelista, con cui la band ha condiviso varie volte il palco... e, tra le altre, l'interesse di riviste come The Wire, NME, Financial Times, Uncut e, in Italia, Internazionale, Mucchio Selvaggio, Blow Up, D di Donna...

Nel settembre 2010 è quindi uscito un nuovo capitolo di questa Leggenda, quattro nuove tracce (tra cui una cover del canadese Leonard Cohen) indirizzate ad un misticismo scuro, devoto al concetto di preghiera/lamento intesa come suono reiterato, continuo, comunque contraddistinto da una forte quanto necessaria dose di autoironia. Un nuovo EP dal titolo " No room for the weak" , che ottiene ancora ottimi consensi dalla stampa italiana e estera (su tutti, recensione e intervista sull'inglese Rock a Rolla, con riconferme su Internazionale, Blow Up, D di Donna).
Per presentare la nuova uscita Father Murphy hanno sostenuto una tournée di 137 concerti in un solo anno, arrivando ad essere la prima band italiana ad essere invitata al Pop Montreal Festival, ottobre 2010; la band riesce per la prima volta a suonare anche in Scandinavia e in Polonia, fino ad essere voluta all'interno dello S.K.I.F. festival di San Pietroburgo, grazie al patrocinio dell'Istituto Italiano di Cultura della città costiera russa, nel maggio 2011.
All'interno quindi dell'ennesima tournée europea, dove è affiancata dagli americani Sic Alps, la band quindi propone una performance sonora e video, ricreando una sorta di rito affidato, più che ad immagini, ad un gioco di ombre. A settembre, quindi, i Murphy sono tra i protagonisti di una residenza artistica presso il Teatro Moderno di Agliana (PT), che si conclude il 17 settembre, al Bolognini di Pistoia, con uno spettacolo per 8 voci/strumenti e direttore/regista, accompagnato da un cut up in real time di immagini prese dal film " Il Gabinetto del Dottor Caligari" .

Durante l'estate inoltre, dopo una performance nel Padiglione danese, all'interno della Biennale d'Arte di Venezia, invitati dall'artista scandinavo FOS, la band rientra in studio per completare la realizzazione del nuovo album (nuovo capitolo della Leggenda personale che indaga su gioe e ombre dell'eremitaggio) il cui missaggio e masterizzazione sono affidati a Greg Saunier (batterista della Plastic Ono Band e Deerhoof). Il disco, dal titolo " Anyway your children will deny it" esce a marzo 2012, che, oltre ad essere ottimamente ricevuto dalla critica inglese, europea e italiana, vede la band partire per un tour di cinque mesi, di 115 date, tra cui sette settimane di spalla a Xiu Xiu e Dirty Beaches in USA e Canada, i concerti di supporto a Tune Yards e molti altri. Dopo essere stata invitata ad alcuni festival estivi quindi in Italia, Germania, Danimarca e Polonia, la band ripartirà per l'ultima parte di tour a fine ottobre, per toccare nuovamente l'Europa Occidentale, fino all'Irlanda, per quindi tornare nuovamente anche nel sud del Bel Paese.
Sempre a novembre uscirà un disco di remix di pezzi dell'ultimo album, a cura di Black Dice, Tune Yards, Sic Alps, E.M.A. e molti altri.

Nell'imminente tour di gennaio 2014 i Father Murphy presenteranno (in un'inedita versione duo, composto da Freddie Murphy e Chiara Lee) un nuovo ep, dedicato al tema del fallimento. Così ne parla Vittore Baroni, in anteprima: " L'altro link ricevuto stamani dalla Boring Machines... è per un doppio vinile 10" dei Father Murphy, " Pain is On Our Side Now" in uscita il 17 gennaio 2014 (ovvero per il mio compleanno!). Si tratterà di un vero feticcio per gli amanti del vinile, in quanto i due 10" (formato intermedio fra singolo e album lp) sono incisi su un solo lato con due tracce ciascuno e sono da ascoltare (volendo) simultaneamente su due giradischi. I brani sono assolutamente spiazzanti anche per chi è abituato ai folli cambi di marcia e stile del duo (li ho conosciuti agli inizi della loro carriera, in un concerto all'Hybrida di Tarcento parecchi anni fa, e poi li ho sempre tenuti d'o-re-cchio, senza mai pentirmene), tra dronanti memorie krautrock, orchestrazioni maestose o spettralmente chiesastiche, cori deliranti e misteriose declamazioni su rombanti grovigli avant-noise. Insomma una miscela del tutto inclassificabile e fuori dal coro, come se ne trova sempre più di rado. Partecipano vari ospiti internazionali (Ezra Buchla, Gianni Giublena Rosacroce, Daniel Schleifer, Michael Jeffries). WeyRder than Residents! Harry Partch reincarnato in una band doom metal!! ESP Record per gli anni Tremila!!!"

RASSEGNA STAMPA E COMMENTI VARI...

Gli apprezzamenti di Julian Cope

Quando mi è capitato di suonare a Oakland California, con la band italiana Father Murphy mi hanno completamente messo al tappeto. Non avevo mai sentito parlare di loro fino a quel momento, ma la loro musica è arrivata come la più originale e bella che avessi sentito in molto tempo. Immagina canzoni piene di spazio, inqiuetanti, ma con arrangiamenti perfetti. E in più sono delle persone splendide. Sono un grande fan! - John Dieterich (Deerhoof), intervistato da The Independent

La bellezza della loro musica sta nella perfetta calibrazione delle pause e dei tempi, dei momenti di attesa tra un colpo e l'altro, un passo e l'altro, una ferita e l'altr

Dati Aggiornati al: 27-01-2014 10:35:06

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Vita Notturna

Quando: Sabato 01-02-2014 alle 22:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: VELVET ROCK ZUMA Arci Club

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento